Search  

 

Non so se sono Charlie, ma...

Je suis Charlie

  di Luca Bagatin

Sulla questione ho preferito non scrivere nulla e nemmeno dichiarare "Io sono Charlie" o, appunto, "Je suis Charlie". Io, Charlie Hebdo, sino all'altro giorno, nemmeno lo conoscevo, così come immagino molti altri non ne avessero mai sentito parlare, nel nostro Paese e/o altrove. Mi sarebbe sembrato ipocrita associarmi ad un coro che ho trovato e trovo assai mediatico. Mi sono sentito vicino alla moglie del direttore ucciso, Stéphane Charbonnier. Mi sono commosso quando lei ha pianto, in televisione. Così come mi sento vicino al dolore di tutte le famiglie che hanno perduto i loro cari a causa di un gesto di profonda violenza e stupidità perpetrato da due balordi in nome di un Dio che credevano, così, di onorare. Il dolore è intimo e va pertanto rispettato.   Leggi Tutto

 

Quirinale

Bettino Craxi

Sulla tomba di Bettino

Made in Italy

 di Luca Bagatin  Elezione Presidente della Repubblica: spettacolo triste, specchio di un'Italia senza prospettiveLeggi Tutto 

 di Luca Bagatin In memoria di Bettino Craxi a quindici anni dalla morte Leggi Tutto 

di Ludovico Martello Sulla tomba di BettinoLeggi Tutto

di Tommaso Manzillo Questa è l’ Italia!Leggi Tutto

 

 

 

 


Primordiale pensiero liberale

         


Charlie Hebdo: ipocrisia e libertà di parola

di Tullio Pascoli

L' Europa allo sbaraglioGiusto, per rimanere nel tema della diversità di civiltà, mi sembra oltremodo utile dedicare una favorevole recensione di questa opera di François Bernier che, in un certo senso, nel tempo, è divenuta anche paradigmatica perché, essendo l'autore fra i primi Occidentali a descrivere la vita in India, dalle sue pagine hanno attinto diversi storiografi, sociologi, economisti e teorici che poi hanno potuto utilizzare molte delle sue osservazioni sull’organizzazione sociale di quelle strutture orientali per dare una base alle proprie interpretazioni, critiche e tesi a favore o contro il modello economico pubblico o privato.  Leggi Tutto

 

di Vito Varricchio

Io non sono Charlie Parigi in questi giorni è stata il centro di un efferato attacco terroristico da parte di due fondamentalisti islamici nei confronti del giornale francese, Charlie Hebdo, famoso per le sue strisce satiriche sulla religione, sia quella islamica che quella cattolica. L’attacco si è presentato come l’esecuzione di una sentenza, che riconosceva al Charlie Hebdo il reato di vilipendio alla religione, avendo offeso il Profeta Maometto, attraverso dei disegni irriverenti e blasfemi secondo l’interpretazione degli attentatori. In fondo le religioni non possono permettere, da un punto di vista dottrinale, che si rida del Creatore oppure si ridicolizzi il proprio Messia. Leggi Tutto


Scontro di civiltà e guerre di religione

         


Guerre di religioni: il nuovo scisma d’Oriente

di Ludovico Martello

Scontro di civiltà e guerre di religione I recenti avvenimenti che stanno insanguinando il Medioriente dalla Siria all’Iraq fino alla striscia di Gaza riaprono il dibattito sullo Scontro di civiltà, sulle Guerre di religione, e sul più volte annunciato, da Spengler in poi, Tramonto dell’Occidente. Senza volerci spingere nella notte dei tempi partendo dall’ esodo biblico, celebrando la battaglia di Poitiers o scusandoci per le atrocità delle Crociate ma limitandoci a un piccolo sforzo di memoria possiamo affermare che i rapporti fra l’Occidente, l’Islam e la tradizione Giudaica sono sempre risultati complessi ed hanno ininterrottamente e    Leggi Tutto

 Scontro di civiltà o confronti di antagonismi epocali? di T. Pascoli

 Scontro di civiltà o di barbarie ? di L. Bagatin

 Papa Francesco, cappellano militare di BombObama di V. Mennella
    di Vito Varricchio

Guerre di religioni: il nuovo scisma d’OrienteQuella che ormai è giunta al termine è stata un’estate caldissima, non tanto dal punto di vista climatico, quanto piuttosto da quello della situazione internazionale. Se da una parte abbiamo un’Europa in crisi economica e politica, dall’altra parte abbiamo un Medio Oriente che ancora è teatro di atrocità e di efferatezze, da Israele alla Libia, dalla Siria all’Iraq. E non bisogna dimenticare l’Ucraina, che a seguito delle dimissioni (caduta) di Viktor Fedorovyč Janukovyč, è in preda a una guerra civile tra ucraini nazionalisti e ucraini filorussi, che non vogliono abbandonare il governo di Mosca.   Leggi Tutto

 Sunniti contro Sciiti la guerra tra i due Islam di A. Sfeir

 Civiltà e religioni al bivio  di A. Simiele


"Un mondo nuovo", la fiction su Rai Uno dedicata al Manifesto di Ventotene

         


L’ anacronistico progetto di Renzi

di Luca Bagatin

"Un mondo nuovo", la fiction su Rai Uno dedicata al Manifesto di Ventotene

Sarà stato anche un flop di ascolti (2,9 milioni di telespettatori), ma, finalmente, in prima serata e su Rai Uno, si è data voce a quell'antifascismo laico e federalista a cui la voce è sempre stata negata in quest'Italia che ha a cuore più i destini delle partite di calcio, piuttosto che le libertà civili, sociali ed individuali che persone come Altiero Spinelli (1907 - 1986), Ernesto Rossi (1897 - 1967) ed Eugenio Colorni (1909 - 1944) hanno portato avanti a rischio della loro stessa vita. E' stato così che domenica 23 novembre abbiamo potuto assistere a “Un mondo nuovo”, film tv di Alberto Negrin che ha ricostruito le vicende storiche di Altiero Spinelli, ex militante comunista che abiura il comunismo per scegliere la strada dell'antifascismo laico; Ernesto Rossi, giornalista di formazione economica, liberalsocialista del Partito d'Azione e fra i fondatori del primo Partito Radicale ed Eugenio Colorni filosofo ebreo,  Leggi Tutto
 

di Antonio Simiele

Matteo RenziCon il passare dei giorni, quello di Renzi si rivela sempre più un percorso di ritorno alla vecchia DC. Forse non è programmato, dato che lui anche per le scelte di governo procede per approssimazioni, facendosi guidare dai patti e dalle mediazioni, senza esporre prima un organico e chiaro disegno. Poco male, se non significasse spacciare per nuovo una cosa di altra epoca e di altro ambiente che oggi segnerebbe il regresso della nostra democrazia. Renzi scrive che il suo è un partito della sinistra a fianco dei più deboli e indifesi. L’adesione del PD ai socialisti europei è un segno di sinistra. Fino a ora, però, non ci sono atti concreti del suo governo con lo stesso segno, neppure i famosi ottanta euro da cui sono esclusi proprio i più deboli, i pensionati e quelli privi di reddito, dei quali, invece, cerca di limitare la forza contrattuale, attaccando i sindacati e le associazioni che li organizzano. Leggi Tutto


Papa Francesco e l'esaltazione della povertà!

         


Il suicidio assistito di Brittany Maynard: una storia di amore e libertà

di Vito Varricchio

Papa FrancescoIl termine pontefice deriva dal latino, pontifex, cheletteralmente significa facitore di ponti. Esso indica tradizionalmente la funzione di collegamento tra il mondo materiale, sensibile e quello spirituale e sovrasensibile. Nella Roma delle origini il pontefice racchiudeva in sé il potere regale e quello sacerdotale mentre solo con l’avvento del cristianesimo, in Occidente, tale titolo viene conferito al capo della Chiesa cattolica, inteso come rappresentante di Dio in terra.  Leggi Tutto

 

di Luca Bagatin

Il suicidio assistito di Brittany Maynard: una storia di amore e libertàBrittany ha deciso di morire. Ha deciso di farlo perché sapeva che sarebbe morta comunque, fra indicibili sofferenze. Ma Brittany Maynard amava la vita. E la rispettava al punto dal voler morire con dignità. A Brittany era stato diagnosticato un tumore incurabile al cervello e da tempo sopportava il peso degli effetti collaterali dei farmaci che le erano somministrati. E' così che ha preso la decisione di salutare tutti i suoi cari e di realizzare, Leggi Tutto

 

         

 


Editoriale Archivio Storico del Sannio numero (1-2 2013 Anno XVIII)

 

 

 
 

 

di Gaetano Pecora

Archivio Storico del SannioSignori, si cambia! Già annunciato dal fascicolo scorso, con l’aggiunta del sottotitolo («Rivista di studi storici, politici e sociali»), l’«Archivio» apre oggi i suoi orizzonti su cieli nuovi dove non è che le vicende del Meridione saranno tenute in penitenza (quando del caso ne continueremo a discutere; eccome se ne discuteremo!). Solo che, d’ora innanzi, non vedremo più soltanto l’ala di muro del municipio o lo sporto d’angolo del campanile. Saliti di qualche piano nell’edificio del pensiero, gireremo dintorno con lo sguardo per cercare i margini del mondo e da lì cercheremo di trasportare nella rivista qualche scintilla del grande incendio che illumina e consuma l’umanità. Un passo più lungo, dunque, e un respiro più largo: ecco, da adesso, l’impegno nostro. Leggi Tutto


La centralità dell'amore nei rapporti di coppia e a proposito delle adozioni a single o a coppie omosessuali

         


La diversità che sublima i valori dell'indole umana

di Luca Bagatin

La centralità dell'amore nei rapporti di coppia e a proposito delle adozioni a single o a coppie omosessualiE' un tema di cui scrissi molti, moltissimi anni fa. L'adozione ai single e/o alle coppie omosessuali. Ricordo che, moltissimi anni fa – parliamo di almeno sedici anni fa – su “Il Gazzettino” di Pordenone ne scrissi infatti un articolo. Girando in rete mi imbatto, talvolta, in “maitre à penser” del nostro secolo - per così dire - che con piglio ideologico e non poca veemenza si battono contro questo tipo di possibilità, peraltro già di fatto negata nel nostro Paese. Leggi Tutto

Perché nessuna persona omosessuale decida di togliersi più la vita a causa della stupidità e la violenza altrui di L .Bagatin

Sull'eutanasia ed il suicidio assistito. Tolleranza al di là delle leggi di L.Bagatin

In difesa del matrimonio omosessuale, dell'eutanasia e del suicidio assistito di L.Bagatin

  di Tullio Pascoli

IL CERVELLO DELLE DONNE di Louann Brizendine (Recensione)IL CERVELLO DELLE DONNE è una delle numerose letture che ci insegnano come era assurdo uno dei più contradittori principi del collettivismo: quello dell’eguaglianza, secondo il quale gli umani sarebbero tutti uguali. Se dessimo credito a tale stravagante criterio, dovremmo avere, naturalmente, pure tutti gli stessi diritti - che, in parte, dipendono pure dai meriti - e con ciò i difensori di tale tesi condannerebbero a priori – ma solo nelle apparenze delle loro ingenue buone intenzioni – i distinti meriti dei singoli individui. La storia, tuttavia, ci ha opportunamente dimostrato che proprio gli stessi più famosi, ostinati e potenti promotori del collettivismo – Lenin, Stalin e Mao - Leggi Tutto

 

 

 

 


La "rivoluzione dell'ombrello"...

         


La città che mi fa paura

di Vincenzo Mannello

La "rivoluzione dell'ombrello".......quella di Hong Kong, così definita dai media mondiali più importanti per "attizzare fuoco". In verità loro parlano "degli ombrelli" perché si riferiscono alle migliaia di studenti che protestano contro il locale "governatore" riparandosi coi parapioggia dalle intemperie. "Dell'ombrello" la definisco invece io che non ho "autorevolezza" e neppure tante persone che mi leggano o ascoltino. Mi riferisco al parapioggia del giovanissimo promotore dell'ultimatum alla Cina per ottenere "elezioni non pilotate" ? No, nooo ... indico, in modo figurato ma certamente realistico, il gesto compiuto da Obama appena giunta la richiesta di "solidarietà" dei giovani cinesi di Hong Kong alla loro battaglia per "maggior democrazia" e "rispetto dei diritti civili".  Leggi Tutto

 

di Arnolfo Petri

La città che mi fa paura Questa città mi fa paura. E non parlo di quella Napoli tornata recentemente alla ribalta per le tristi vicende del Rione Traiano. Quella città che non piange più i suoi lutti, non protesta per il piombo dei revolver, anzi quasi giustifica i suoi guaglioni cresciuti nel deserto delle idee, allattati a furia di kalashnikov e 7 e 65 che, come nelle migliori sceneggiate di Merola, sò sempe piezz’’e core. No, non è questa la città che mi fa paura. Al massimo mi disorienta. Mi lascia sgomento. In questa sorda accettazione dell’ineluttabile. La Napoli che mi fa paura è un’altra. Impalpabile. Invisibile. Leggi Tutto

Sondaggio
Chi vorresti come Presidente della Repubblica?










































Vota sondaggio  Visualizza i risultati

 

I sondaggi online di PoliticaMagazine.info non hanno un valore statistico, si tratta di rilevazioni non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno lo scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità. Le percentuali non tengono conto dei valori decimali. In alcuni casi, quindi, la somma può risultare superiore a 100.

per aggiungere preferenza non in lista clicca qui

 

I Colpi di Martello- a cura di Ludovico Martello

L' Occhio Capovolto - a cura di Arnolfo Petri

La quarta di copertina

 

Appunti di Politica Online

 

Pensatori Politici

 

Gaetano Pecora

 

Premio Giacomo Matteotti

 

left

left

 


Gli Indici di Borsa Mondiali in tempo reale sono offerti da Investing.com Italia.

 

 


 

PoliticaMagazine.info,prima di pubblicare foto,video o testi ricavati da internet ,compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti d’ autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell’ uso dei materiale riservato, scrivetici alla redazione@politicamagazine.info : provvederemo  prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.

Attenzione! Il tuo numero IP sarà registrato insieme al commento. Se non lo hai già fatto... leggi il regolamento.

Attenzione!!! Per la segnalazione di commenti inappropiati  scrivere alla redazione@politicamagazine.info

Tutte le attività redazionali e di collaborazione sono prestazioni a titolo totalmente volontario e gratuito (non prevedendo nessuna forma di compenso).

Questo sito non rappresenta una testata gionalistica in quanto non viene aggiornato con nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodoto editoriale ai sensi della legge n°62 del 07.03.2001.

  intopic.it Riassunto, il raccoglitore delle notizie della rete! Aggregatore notizie RSS

Licenza Creative Commons
Questo Blog utilizza la  Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.

Home:Chi Siamo:Servizi:Download:Rubriche:Note Legali:Archivio
Copyright (c) 2009 - 2015 PoliticaMagazine.info - Napoli - rivista online - Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy